Diario di Viaggio

3) Mormanno ad 2013…

 

 

18-agosto

 

La serata del 17 è passata fra un giretto in piazza ed un gelato, il palco dove pomposamente veniva dal pomeriggio annunciato niente popò di meno che: Alan Sorrenti… vedeva invece un gruppo folk o bifolk che rimaneggiava canzoni del Faber, di Dalla e della Mannoia… per poi passare, vista l’apatia del pubblico, al liscio più plateale con polke e mazurche; qui le nonnine arrivate a gruppetti dal primo pomeriggio,  con la sedia comoda da casa, hanno almeno cominciato a sorridere; il clarinetto e la fisarmonica presenti nel palco mi avevano insospettito… anche i tamburelli in effetti… poi ho scoperto che avevano un loro perché… se vuoi far muovere un “Rotondese”??  fai una tarantella o una pizzica e pure se paralitico comincia a muoversi a tempo. Come al solito le donne si son dimostrate le più coraggiose e sono state le prime a mettersi a ballare fra loro e senza uomini, poi via via grazie al ritmo ancestrale pure qualche se dicente uomo, età più verso gli 80 che settanta, ha cominciato, sostenendosi alla badante di turno, a muovere qualche passo. Probabilmente Alan Sorrenti verrà ma verrà riservato per gli arcieri… che culo !!  Verrà pure un “famoso” comico, famoso solo per Giuseppe del B&B suppongo, da parte mia un perfetto sconosciuto, ma va bene così !!
Il programma per il 18 domenica prevedeva mare, mare e ancora mare… poi ritorno, in tardo pomeriggio, doccia rituale e poi cena al “Tempo perso”. Svegliato da un chicchirichì elettronico di un vulgaris cellulare alle ore sette, cercavo, smaniando e nascondendomi sotto il lenzuolo, di continuare a dormire. Il vecchio sistema dello struzzo sordo non otteneva i risultati sperati. Una compagna in astinenza da mare è praticamente implacabile, anche il nazista più crudele al confronto è una mammoletta. Alle otto ero già col secondo caffè in mano senza sapere come ci fosse arrivato, con dolcetti appena sfornati sotto il naso… presumo donati dai notabili del luogo al mio ambasciatore-badante-navigatore in pratica non potevo nemmeno accennare ad una scusa. Buon viso a cattivo gioco: sorriso alla Silvio e ineluttabile  partenza per il mare;  dopo oculata scelta di quale mare: Ionio o Tirreno… ha vinto il Tirreno per la precisione Scalea… alla fin fine il viaggio di andata si è trasformato grazie al Tom Tom in un trekking quasi estremo col furgone: mulattiere al limite del praticabile, salite e discese superiori al 14%, animali vaganti sempre e solo alla fine di curve cieche… e poi ciliegina sulla torta un imperioso e ripetuto: andate a destra del Tom Tom ci faceva varcare un grande cancello arrugginito che proseguiva in una strada di cemento armato corrente in mezzo ad un muretto con rete e filo spinato a destra e  sinistra in stile Auschwitz; stradella stretta da morire e lunga almeno un chilometro; due semi curve mi vedevano impegnato con goniometro e compasso ai 3 all’ora per passare senza danni… alla fine di questa strada himalayana… senza in effetti ponti tibetani, mi son trovato in un piccolissimo spiazzo dove alla fine partiva un tubone verde verso valle lungo svariati km… era un qualcosa che aveva a che fare con l’ENEL e nel mezzo dell’unico spazio dove poter fare manovra, un bel palone con in cima un bel ripetitore telefonico. Ho recitato la fine del Rosario partito a metà della “strada” ricavata a forza sul costone della montagna e forse qualcuno lassù si è sentito in colpa… il furgone deve essersi ristretto per intercessione divina e sono riuscito a fare manovra, poi tutta la tiritera al contrario per un chilometro; meno male è andata così perché mi ero visto davanti le  poche soluzioni possibili: o lo parcheggiavo lì ab eterno, magari togliendo le targhe e bruciandolo o lo smontavo pezzo pezzo per poi rimontarlo davanti al famigerato cancello. In tutti i casi se da Mormanno andate a Scalea o al ritorno se vedete scendere da una altissima montagna un tubone verde smeraldo… seguitelo con l’occhio fino alla fine e poi guardate la strada che corre dal tubo lungo la parete rocciosa… io lì ci sono stato. Se il vostro navigatore dovesse mai dirvi andate a dx o a sinistra varcando un cancello enorme arrugginito non fatelo… prendete il Tom Tom fate a piedi venti metri di questa  metri di stradina e poi prendetelo delicatamente per la base a ventosa e con tutta la vostra forza scagliatelo nel vuoto a far compagnia al mio… dovrebbe essere ancora con la pila carica… così si fanno compagnia… fra stronzi ci si intende !!

to be continued…

 

Condividi:
19 August, 2013

About Author

Davide Grossi

ernesto


4 COMMENTS ON THIS POST To “3) Mormanno ad 2013…”

  1. Davide Grossi Victor says:

    Quella del Tom Tom è tanto vera in Calabria… ma davvero l’hai buttato ?

  2. Davide Grossi Victor says:

    Birbaccione, ci avevo quasi creduto. Quest’anno come gareggi? Che arco ti manca?

    • Davide Grossi ernesto says:

      Non mi manca nessuna categoria quindi rifaccio arco nudo e l’anno prossimo torno all’indietro, as, co, lb…
      Come sai mi concedo varie “licenze” nei miei racconti…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Istruzioni

Nel caso voleste contattarci per esprimere pareri, segnalarci malfunzionamenti, suggerirci proposte, o per qualsiasi altro motivo vi preghiamo di compilare il form di posta qui affianco.

Vi ricordiamo che tutti i campi sono obbligatori. Grazie find'ora per il vostro interessamento.

Lo Staff di Ernesto's Pages

– Link –
in questa sezione aggiungeremo man mano i link dei nostri amici sul web e delle risorse che ci pare bello consigliarvi. Ernesto

Siti Amici

Genseuganea Sara Iacopini O8 Dark Fiarc Forum Arco e Freccia Ex Forum Fiarc ora  Collaboration rooms Sagittando Adriano Alberti Diemme Archery Celestino Poletti Denis Pedrelli Filippo Donadoni Giuseppe Bianchi  Papetto  
Contatti
Per contattarci per qualsiasi esigenza: SCRIVICI QUI

Le Pagine di Ernesto

Dopo aver scritto su vari forum e riviste d'arceria, pur continuando a farlo, ho deciso di aprire anche questo Blog per poter essere veramente libero di scrivere senza interferenze ed essere seguito e commentato da chi vorrà farlo.
Siamo nell'era della comunicazione 2.0 quindi anche Ernesto ha deciso di buttarsi sul Web.

Buona lettura a tutti.

Ernesto

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile.
Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione Copyright Davide Grossi 2012 ---
DESIGN New-web
SEO Primi su Motori
POWERED FabioZanoli