IMO

La mia Waterloo… (seconda parte)

   Vorrei raccontare una storiella inventata ma esplicativa: Ugo, quasi 60 anni, in sovrappeso e fumatore, mai fatto nessuno sport, si ritrova vedovo e conduce ormai in pensione, una vita solitaria e senza amici. Casualmente in uno dei suoi tristi giretti domenicali, ad una fiera di paese, vede della gente che tira con l’arco, gli piace e pure l’ambiente… decide di imparare a tirare pure lui e scopre che ce ne sono varie versioni, faticosa nei boschi e soft in Fita…

   Decide per il softh e comincia il corso, gli piace e conosce gente, più che tirare passa il suo tempo di nuovo in compagnia di umani e non solo della tv… finito il breve precorso decide di fare il grande passo, tesserarsi, fare un corso serio e cominciare ad entrare nella cerchia di amici che la domenica vanno a fare gare. Tutto semplice resta solo l’ultimo ostacolo: la visita medica; sa di non essere al top:  fumo, pancetta, mai praticato nessuno sport, lavoro sedentario prima, pensione ora, glicemia un po’ altina, colesterolo pure, un inizio di prostata, prove epatiche e spirometria ai limiti…il povero Ugo vede in forse tutto il suo nuovo futuro… deve passare questa benedetta visita…si presenta così timoroso al centro medico e quando gli dicono che deve salire e scendere quel maledetto scalino per 5 minuti comprende che è quello l’ultimo l’ostacolo alla sua ritrovata voglia di vivere e quindi lo affronta come se fosse l’esame più serio della sua vita.

   Ci si impegna al massimo, sente che tutto il suo organismo si ribella per questo sforzo prolungato da freddo, si ribella e già al primo minuto comincia a mandare segnali allarmanti; il medico intanto, di spalle fa una caterva di cazzi suoi e ad ogni calo di ritmo che giunge al suo orecchio, incalza : su, su forza dai, dai!! Il povero Ugo, sudato, col fiato corto, pulsazioni a mille arriva ai due minuti praticamente per inerzia, sente che sta per cedere ma caparbio insiste…poi arriva finalmente l’infarto…

   Poco importa dove sia l’infarto, sta di fatto che in un ambulatorio che nemmeno ha la carta per asciugarti dal gel dell’elettrocardiogramma, non credo ci sia un defibrillatore cardiaco o un neurochirurgo pronto a farti una trapanazione del cranio per alleggerire l’emorragia avvenuta…adesso il povero Ugo si sta riprendendo da questa brutta esperienza, non parla ancora bene, nel deglutire i solidi gli inciampano ancora un pochino, riconosce la fisioterapista e la logopedista e sorride pure, di camminare non se ne parla ancora…

   Inventata di sana pianta ma molto possibile… quindi che proporre? Visite adeguate al tipo di sport da fare, tanto sul certificato è ben in evidenza che cosa farò, mica mi presento per fare Full Contact con un certificato per il tiro con l’arco; poi come prova da sforzo farei una prova più psicologica ovvero farei fare lo sforzo dicendo al paziente di fare quello che si sente e poi controllerei se quanto fatto è effettivamente dentro alle caratteristiche del paziente e dello sport che andrebbe a svolgere; voglio dire che se uno si sente 20 anni e corre di conseguenza è probabile che avendone 80 gli ciocchi un infarto; se un 60 enne si comporta responsabilmente verso i suoi limiti corporali dimostrando di avere bene in mente i questi limiti e non facendo sforzi prolungati ma diluiti e ben amministrati perché non dargli tutte le possibilità sotto la sua responsabilità? Insomma come direbbe Ugo la visita così come è fatta…

In memoria di  Vittorio Colò…

The end

 

 

Condividi:
10 November, 2014

About Author

Davide Grossi

ernesto


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Istruzioni

Nel caso voleste contattarci per esprimere pareri, segnalarci malfunzionamenti, suggerirci proposte, o per qualsiasi altro motivo vi preghiamo di compilare il form di posta qui affianco.

Vi ricordiamo che tutti i campi sono obbligatori. Grazie find'ora per il vostro interessamento.

Lo Staff di Ernesto's Pages

– Link –
in questa sezione aggiungeremo man mano i link dei nostri amici sul web e delle risorse che ci pare bello consigliarvi. Ernesto

Siti Amici

Genseuganea Sara Iacopini O8 Dark Fiarc Forum Arco e Freccia Ex Forum Fiarc ora  Collaboration rooms Sagittando Adriano Alberti Diemme Archery Celestino Poletti Denis Pedrelli Filippo Donadoni Giuseppe Bianchi  Papetto  
Contatti
Per contattarci per qualsiasi esigenza: SCRIVICI QUI

Le Pagine di Ernesto

Dopo aver scritto su vari forum e riviste d'arceria, pur continuando a farlo, ho deciso di aprire anche questo Blog per poter essere veramente libero di scrivere senza interferenze ed essere seguito e commentato da chi vorrà farlo.
Siamo nell'era della comunicazione 2.0 quindi anche Ernesto ha deciso di buttarsi sul Web.

Buona lettura a tutti.

Ernesto

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile.
Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione Copyright Davide Grossi 2012 ---
DESIGN New-web
SEO Primi su Motori
POWERED FabioZanoli