Diario di Viaggio

Svizzera? No, grazie… 12

Partiamo dall’inizio: Delfreo passa il confine con le magliette dell’ Italia, 4 scatoloni che incuriosiscono i doganieri svizzeri, loro pensano ad un import-export di magliette, un raket della T-shirt, un qualcosa di truffaldino insomma, invece, sarà cretino ma le maglie torneranno in Italia una per tiratore; e qui moglie e Delfreo a cercare di fare capire il cavillo a dei testoni precisini;
non oso pensare a quando è passato Lillo con una cassa di vino per me, vai tu, dopo le magliette, a spiegare che anche il vino tornava in Italia; alla fine è passato, chissà cosa penseranno di noi al confine ? Lillo poi ha dei precedenti, non penali, ma di frontiera, l’anno scorso gli regalarono un portafoglio, probabilmente cinese, con un solo difetto ma fondamentale: era dimensionalmente più piccolo del normale, a questo punto il Lillo non si perde d’animo e probabilmente tenendo molto al regalo che fa? Ritaglia tutti i documenti fino a farli entrare di misura nel portafoglio. Primo problema ha rischiato di non arrivare a Sopron ai Campionati in Ungheria, ma questo è ancora nulla perché al ritorno ha rischiato di non lasciarla più l’Ungheria, per fortuna una delle guardie era quella dell’andata e pur scompisciandosi lo ha lasciato uscire; in mezzo purtroppo fra Italia e Ungheria c’era e c’è ancora l’Austria molto simile come controllori alla Svizzera. Temo che ormai una sua foto segnaletica sia su tutti i comodini delle guardie di confine della zona. Comunque torniamo alle magliette: mentre Delfreo cercava di risolvere sia i problemi di Pedrelli con lo storico, sia la distribuzione delle maglie e dei regolamenti da lui tradotti, la moglie veniva lasciata in un parcheggio assolato, circondata da scatoloni pieni di magliette e da italiani caciaroni richiedenti sempre una taglia più piccola di quella giusta. Questo per un, bel lasso di tempo! Per chi non c’era Wildhaus è: fango, pioggia gelata ,grandine, vento e neve  quando è brutto tempo; quando è bello il sole è tremendo, non sudi però ti bruci, la signora in questione non ha fatto una piega anzi aveva una battuta per tutti e nell’agitazione generale, erano tutti appena arrivati, alloggi da trovare, controllo materiali a volte risibili e ridicoli a volte cavillosi, riusciva a mantenere il controllo della situazione. Un particolare: uno dei nostri arcieri con bicicletta camo si vedeva mettere il nastro nero adesivo opaco nella parte interna sopra il rest; alla sua domanda : ” Perchè ? ” lo svizzero gli ha risposto :” Tu puoi usare linee camo come mira …” l’italiano incredulo gli faceva notare che aveva speso un miliardo in mirino , diottre , lenti e bolle e non gli sembrava il caso di mirare con qualcosa di diverso; lo svizzero indispettito di rimando: ” Va pene cozì come tice recolamento !!!”
In mezzo a questo caos caloroso venivano finalmente distribuite tutte le maglie, la signora sempre perfetta, calma e gentile con l’aria di essere uscita dalla doccia due minuti prima. Ho avuto poi modo di pranzare (se fate i conti delle volte che ho pranzato e cenato sembra abbia avuto una soggiorno di una settimana invece che di tre giorni) con lei, il marito e  l’amico di Silver e qui ho capito molte cose; una vecchia frase mi rimbalzava in testa : dietro ad un grande uomo c’è sempre una grande donna,  con le dovute proporzioni ho capito il perchè di Delfreo, una bella coppia affiatata, lei partecipe a livello Fiarc, tiro ,regole e politica associativa con, a volte, pure una marcia in più del marito essendo una persona molto ironica. Una donna senza eccessi che, alle varie argomentazioni e proposte che uscivano dall’animata discussione di noi tre, riusciva a cogliere subito sia la parte ironica, sia il nocciolo del problema. A questo punto un ringraziamento pure a lei è doveroso.

to be continued…

 

Condividi:
30 July, 2012

About Author

Davide Grossi

ernesto


7 COMMENTS ON THIS POST To “Svizzera? No, grazie… 12”

  1. RENATOBISSO says:

    Io c’ero..un tempo di vero schifo….e per regolamento mi hanno fatto togliere uno stop all’arco che serviva ad ammortizzare la corsa della corda che aveva un brace assurdo.nel senso che era veramente molto piccolo… adducendo come scusa che poteva essere un bilancere. da notare che era di carbonio e con lo stop di gomma nn arrivava a 5 grammi ed inpiu’ non era aggiunto ma era originalmente montato dalla casa….l’arco era un hoyta da caccia..col quale mi ero allenato x un anno..risultato?? 4°………. e vi assicuro che all’epoca nn tiravo affatto da 4° posto veterani…… fanc…….. gli svizzeri….tanto piu’ che nn tiro piu’ x problemi fisici………mi sono finito la spalla sinistra.. buone frecce a tutti ed un caro affettuoso calorossissimo abbraccio ecumenico piu’ uno speciale al nostro grande “ERNESTO” .. ciao Davide ti voglio bene…….

    • Davide Grossi ernesto says:

      Grazie per il commento e per il resto; in effetti è colpa tua se sono iniziate le mie cronache; grazie alle tue info via telefono c’è gente che ancora oggi è convinta che in Portogallo io ci sia stato davvero.

      Dave

  2. Wow, fantastic blog layout! How long have you been blogging for? you make blogging look easy. The overall look of your site is excellent, let alone the content!

  3. seo software says:

    Highly energetic post, I enjoyed that bit. Will there be a part 2?

    • Davide Grossi ernesto says:

      You have commented on the 12 … so if you were wrong about Switzerland there are still a bit ‘, then you will find the same tone Estonia, Hungary and another in my diario di viaggio. Hello and thanks for the comment.
      Dave

  4. I simply want to say I’m very new to blogs and truly loved your web blog. Likely I’m planning to bookmark your site . You certainly come with wonderful stories. Many thanks for sharing with us your website page.

  5. Micaela Yehl says:

    I think you have mentioned some very interesting points , appreciate it for the post.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Istruzioni

Nel caso voleste contattarci per esprimere pareri, segnalarci malfunzionamenti, suggerirci proposte, o per qualsiasi altro motivo vi preghiamo di compilare il form di posta qui affianco.

Vi ricordiamo che tutti i campi sono obbligatori. Grazie find'ora per il vostro interessamento.

Lo Staff di Ernesto's Pages

– Link –
in questa sezione aggiungeremo man mano i link dei nostri amici sul web e delle risorse che ci pare bello consigliarvi. Ernesto

Siti Amici

Genseuganea Sara Iacopini O8 Dark Fiarc Forum Arco e Freccia Ex Forum Fiarc ora  Collaboration rooms Sagittando Adriano Alberti Diemme Archery Celestino Poletti Denis Pedrelli Filippo Donadoni Giuseppe Bianchi  Papetto  
Contatti
Per contattarci per qualsiasi esigenza: SCRIVICI QUI

Le Pagine di Ernesto

Dopo aver scritto su vari forum e riviste d'arceria, pur continuando a farlo, ho deciso di aprire anche questo Blog per poter essere veramente libero di scrivere senza interferenze ed essere seguito e commentato da chi vorrà farlo.
Siamo nell'era della comunicazione 2.0 quindi anche Ernesto ha deciso di buttarsi sul Web.

Buona lettura a tutti.

Ernesto

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile.
Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione Copyright Davide Grossi 2012 ---
DESIGN New-web
SEO Primi su Motori
POWERED FabioZanoli